Sospensione della patente

Avvocato per ritiro patente

Essere privati della patente di guida, anche se soltanto per pochi mesi, può causare gravi danni nella gestione ed organizzazione della propria vita quotidiana.

Si pensi soltanto alla difficoltà per recarsi verso il luogo di lavoro o per svolgere le più ordinarie attività.

Lo studio legale presta la propria assistenza in materia di sospensione della patente per guida in stato di ebbrezza o per uso di sostanze stupefacenti.

Al riguardo, è opportuno ricordare che ai sensi dell’art. 186 del Codice della Strada:

“ Chiunque guida in stato di ebbrezza è punito, ove il fatto non costituisca più grave reato:

a) con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 527 a euro 2.108, qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore 0,5 e non superiore a 0,8 grammi per litro (g/l). All'accertamento della violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da tre a sei mesi;

b) con l'ammenda da euro 800 a euro 3.200 e l'arresto fino a sei mesi, qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 0,8 e non superiore a 1,5 grammi per litro (g/l). All'accertamento del reato consegue in ogni caso la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da sei mesi ad un anno; (3)

c) con l'ammenda da euro 1.500 a euro 6.000, l'arresto da sei mesi ad un anno, qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro (g/l). All'accertamento del reato consegue in ogni caso la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a due anni.

In materia di sostanze stupefacenti, ai sensi dell’art. 187 del Codice della Strada:

Chiunque guida in stato di alterazione psico-fisica dopo aver assunto sostanze stupefacenti o psicotrope è punito con l'ammenda da euro 1.500 a euro 6.000 e l'arresto da sei mesi ad un anno. All'accertamento del reato consegue in ogni caso la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a due anni. sensi dell’art. 187 del Codice della Strada:

Non tutti sanno che anche la guida in stato di ebbrezza può costituire un reato laddove il tasso alcolemico sia superiore a 0,8 g/l.

Ciò comporta l’instaurarsi di un procedimento di natura penale a carico del trasgressore.

Lo studio legale Coen assiste la propria clientela nella fase di natura amministrativa (ricorso al Prefetto ovvero al Giudice di Pace competente) al fine di ottenere in via cautelare la restituzione anticipata della patente di guida.

Lo studio predispone inoltre ricorsi e presta assistenza giudiziale avverso provvedimenti di sequestro/confisca del mezzo a bordo del quale è stata commessa l’infrazione.

Lo studio assiste poi i trasgressori che siano indagati/imputati negli eventuali procedimenti penali scegliendo accuratamente la strategia difensiva più idonea a seconda delle circostanze di specie (es.: giudizio abbreviato, patteggiamento, richiesta dei lavori di pubblica utilità ai fini dell’estinzione del reato).

Si ricorda infatti che in ambito penale i trasgressori, laddove non abbiano cagionato incidenti e non ne abbiano già beneficiato, possono richiedere di essere ammessi ai lavori di pubblica utilità presso Enti convenzionati con il Tribunale competente.

La scelta è indubbiamente vantaggiosa in quanto, all’esito del positivo svolgimento dei lavori, il reato è estinto, la confisca del mezzo viene evitata e soprattutto la durata di sospensione della patente di guida viene ridotta alla metà.

Share by: